lorenzofabbian x LP3

An inspiration blog for the Fashion Design Laboratory 3 course at the IUAV University of Venice

| 1ST SILHOUETTE | DEFINITION |

1STsilhouetteTOP – layered tshirt in jersey con pattern mapuched ottenuto attraverso impuntura sashiko. Vestibilità ampia, spalla calata.
HEAVY OUTER – mechanic coat in cotone pesante con stampa sul fronte e ricamo sul retro stile boro con toppe che ricreano pattern mapuched e lettering che richiamano i tipici biker vest dei motorcycle club.
BOT – momohiki pants in cotone pesante

| HEAVY OUTER |MECHANIC COAT|

10952601_1567781060131590_1561862324_n

142BENH-JKM07-IN

Workwear is clothing worn for work, especially work that involves manual labour.[1] Often those employed within trade industries elect to be outfitted in workwear because it is built to provide durability and safety.

Camice da meccanico da uomo, lunghezza al ginocchio, prodotto in cotone pesante (gabardine o canvas) in quanto finalizzato al proteggere i capi sottostanti e durare nel tempo.
Struttura da camicia, cinturino lungo la vita.

| BOT | MOMOHIKI – traditional japanese workwear |

b5b1d5a306e19802feb8b76aa23c6d26The momohiki were designed to fit quite tightly around the legs. They have open upper sides that close around the hips to form the seat when the long ties that act as an adjustable belt are tied together.

The wearer used an undergarment and an overgarment, perhaps a hanten jacket or kimono, with the momohiki.

Momohiki was a common garment among farm women and shop men during the 1800s and early 1900s. It was worn by men and women. A woman’s momohiki tended to be decorative, often showing sashiko stitching and somewhat better construction.

See the last image for a drawing of a farm woman wearing field clothing, note the momohiki leggings and noragi field vest.

| MARTEDI | TOP DEFINITION |

top2.0

| DOMENICA | IL MIO RITRATTO OGGI |

 

 

SABATO | IL MIO RITRATTO DA PICCOLO |

METAILORED

VENERDI | IL MIO NONNO | OSCAR

1004466_10201488375681945_49946125_nL’anno di nascita del nonno è sempre stato qualcosa che il mio cervello rifiuta di ricordare.
So che ha una settantina d’anni, che senza mia nonna non sopravviverebbe, che ce l’ha sempre con qualcuno, che è sempre allegro, che fa ancora stretching, che fischietta in continuazione, che ha il naso storto, che è instancabile, che non ci capiamo mai quando parliamo, che prova a parlare inglese da 50 anni, che ogni occasione è buona per uscire a camminare e che non sente niente.

Sei un idolo nonno