MERCOLEDI | STILE VESTIMENTARIO XXsec | 1%er

by lorenzofabbian2015

tumblr_njhp8tQUGg1rck4hso1_1280Gli outlaw motorcycle club rappresentano una sottocultura americana generatasi nella seconda metà del XX secolo. Tutto nasce da un gruppo di reduci della Seconda Guerra Mondiale, che per una ragione o per l’altra non riuscivano ad accettare il ritorno alla società e vivere una vita “normale”. Al momento del rientro negli Stati Uniti formarono vari gruppi motociclistici passando la maggior parte del tempo viaggiando, bevendo, creando risse e vivendo ai limiti del legale. Vi erano molti club “fuorilegge”, tutti contraddistinti da nomi irriverenti e rabbiosi, come i Pissed-Off Bastards Of Bloomington (POBOB), gli Outlaws MC (tuttora esistenti), i Market Street Commandos MC, i Gypsy Jokers MC (anch’essi tuttora esistenti), i Satan’s Slaves MC, e i Booze Fighters MC (anch’essi tuttora in attività).

I membri sono indicati anche con il nome onepercenter (dall’inglese: “appartenente all’1%”), derivato da un fatto realmente successo nella cittadina di Hollister, California (USA) nel week-end del 4 luglio 1947 durante l’annuale raduno di biker, in cui i partecipanti in preda all’alcol ed all’eccitazione, diedero vita a disordini sconvolgendo la piccola cittadina borghese. La stampa diede ampio spazio all’avvenimento tanto da indurre l’A.M.A. (American Motorcyclist Association) a diffondere una dichiarazione ufficiale in proposito. Nel testo l’A.M.A. affermava che il 99% dei motociclisti erano brave persone che rispettavano la legge, mentre solo l’un percento di essi erano attaccabrighe e poco di buono.

Advertisements